La forza del lago di Garda e dell’Astoria Park Hotel di Riva

Eccoci di ritorno dallo splendido Lago di Garda, l’Alto Garda, quello che ha alle spalle una serie di montagne come facessero da mantello accogliente, da abbraccio solido e forte. Per la precisione siamo stati ospitati a Riva del Garda.

In questo passato fine settimana abbiamo fatto un’esperienza davvero particolare. Non è stata usuale come soggiorno FamilySPA, perché ci siamo trovati ad essere partecipanti “part-time” del Festival “Filosofia delle Fiabe”. Una rara eccezione? Non all’Astoria Park Hotel. Esso infatti è strutturato con spazi di così ampio respiro che è location di svariati convegni. Unire quindi l’accoglienza all’approfondimento di alcune tematiche è davvero geniale. Si nutre la mente, ma anche il corpo, la propria parte bambina che sa divertirsi e anche quella matura che impara ed elabora.

Tornando a noi, i bambini hanno subito potuto apprezzare gli spazi grandi. Certo, un albergo con casa non ha confronti, benché non abitiamo in un loculo, ma questa grande e luminosissima hall, i corridoi larghi, il bancone della reception davvero “one”, insomma, non un banchino… la zona caffè espansa fino al giardino hanno come creato un grande respiro anche nei corpi dei bambini.

La stanza da quattro è stata subito individuata come “casa”, tanto da volersi coccolare sotto le coperte fin da subito e la cosa che a noi adulti potrebbe sembrare buffa, i bambini hanno fatto a turno per poter accedere alla stanza con la carta elettronica: questa meraviglia tecnologica!!!

E anche l’ampio balcone è stato preso d’assalto… la vista correva fino allo splendido lago…. ahhhh…..

Lago di Garda dal balcone

L’Hotel brulicava di personaggi interessanti, vista la tematica “fiabesca” e durante l’aperitivo, che prevedeva già parte del programma del Festival, c’è stata un’autentica sorpresa!

Una fatina di nome Miss Bocconcino è entrata cantando “Aquiloni” del film di Mary Poppins invitando a ballare con lei. Chi si è offerto di buon grado? Ecco Duccio che prende coraggio, si alza e inizia a ballare gioiosamente con lei. Forteee! È stato divertente per lui e per noi che gioivamo insieme a lui. Questo piccolo show ha contagiato di buon umore un po’ tutti i presenti e i bimbi si son messi a ballare poi anche fra di loro.

Una sana passeggiata in riva al lago non poteva mancare. Stefano coi due bimbi, insieme a dei nostri cari amici hanno fatto la camminata tutti insieme fino alla bella piazza di Riva.

Il venerdì poi, come ogni giorno, ha avuto la sua fine. Stanchi e soddisfatti ci siamo addormentati nel grande lettone, per poi distribuire i bambini nei loro letti.

Sabato aveva tutte le premesse di una grandiosa giornata. Essendoci anche il Festival, qualche conferenza ce le siamo concessi, anche grazie alla presenza di un’altra fatina, anzi una Fantasy-sitter come le piace definirsi: Serena Sandra Pomegranate Basso, che insieme al suo team ha maestralmente accompagnato un gruppo di bambini di diverse età ed esigenze durante tutto il finesettimana.

I nostri non sono stati col gruppo dei bimbi tutto il tempo, perché avevano un appuntamento importante che li attendeva: la piscina! Peccato non quella esterna, per via delle temperature ancora da inizio primavera, ma quella interna sì! E dato che erano già loro in due ed in quattro con i due nostri amici… devono aver coinvolto così tanto anche gli altri che abbiamo finito per vederceli tutti lì.

La SPA solitamente non è aperta ai bambini. Questa struttura è tuttavia ben lieta di organizzare la presenza di una babysitter per far godere il percorso SPA ai genitori, ma in situazioni organizzate, come in questo caso il Festival delle Fiabe o altre occasioni particolari, aprono l’area anche ai bambini accompagnati da adulti. E così fu.

Raffael, che aveva già gustato altre volte sauna e bagno turco non si fece mancare nemmeno quello! E a raffreddarlo lo trovò una bella montagna di ghiaccio tritato… Ahhh!

Naturalmente noi genitori ci aspettiamo che i bambini siano sfiniti dopo ore in acqua… macché, per lo meno, non quando si divertono come matti. E così è davvero stato! La genialità del team della struttura unita alla genialità dello staff di “Arte ed Essere” hanno fatto sì che pure ai pasti i bambini fossero pienamente soddisfatti. Insieme al buon senso e a una grande varietà di pietanze, cotte, crude, vegetariane e non, hanno messo anche molta magia e piccole attenzioni deliziose.

La riva ci ha chiamato di nuovo e non potevamo non farci attrarre come magneti da questo Lago così potente. Sul percorso ci siamo soffermati ad ammirare gli scavi delle antiche Terme Romane. Eh, sì, sicuramente un buono spunto per raccontare che ciò che stavamo facendo alla SPA lo facevano già nell’antichità, anche se con modalità diverse. La vita e gli incontri che si fanno insegnano sempre, per lo meno, sono opportunità per apprendere qualcosa.

Ebbene, forse non siamo in grado di descrivere in ogni dettaglio ciò che abbiamo vissuto e forse non è nemmeno questo l’intento di un diario. Pensate che noia solo il “abbiamo fatto questo, visto quello e stati lì e là”. Il nostro obiettivo è trasmettere le emozioni che abbiamo vissuto e speriamo che un pochino questo lo abbiamo raggiunto.

Abbiamo provato a chiedere anche ai bambini di raccontarci com’era stato per loro il weekend, ma a parte il “bellissimo” non è che è arrivato un gran che. La raccontano lunga, invece, il non volersene più andare via e la malinconia con cui abbiamo salutato la Fantasy-sitter Serena e gli altri bimbi del gruppo.

Che dire, universo, ne vogliamo ancora, ma non solo per noi, vorremmo che ogni famiglia possa vivere dei weekend entusiasmanti, nutrienti, divertenti, rilassanti e rigeneranti nelle FamilySPA.

Un ringraziamento di cuore alla direttrice dell’Astoria Park Hotel, Donatella Marchioro, che indubbiamente mette la sua energia angelica in tutto ciò che fa e nella conduzione della struttura, un grande grande grazie a tutto lo staff dell’albergo che non ha mai fatto mancare un sorriso e ci ha sempre accolto e risposto con gentilezza e professionalità. Un grazie anche a tutto il team di Arte ed Essere per aver creato tanta magia e opportunità di crescita con il Festival “Filosofia delle Fiabe” ed infine anche alle Fantasy-sitter Serena e co., così come alla fatina vera e propria, Miss Bocconcino, ma anche a tutti i presenti anche se ignari della nostra “missione in incognito” e i nostri amici grandi e piccini (anche loro una famiglia ambasciatrice FamilySPA: Borghi-Bersellini).

Sara e Stefano

Sara e Stefano

 

 

Commenti

commenti

Lascia un commento